Lavoro e disabilità: il punto dopo gli ultimi decreti per l'emergenza

share on:

 

Al di là di qualche intervento per i genitori di figli con disabilità, negli ultimi decreti legati all'emergenza coronavirus, che prevedono forme di sostegno alle attività economiche e alle famiglie, non c'è molto. Proviamo a fare il punto

 

Congedi straordinari per i genitori  nelle zone rosse

Il 9 novembre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 149/20, "Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19", cosiddetto “Decreto Ristori Bis”.

Il decreto contiene anche due provvedimenti che interessano le famiglie con minori o con persone con disabilità.

L'art.13 del decreto prevede la possibilità di usufruire di un congedo straordinario per i genitori lavoratori dipendenti che vivono all'interno delle "zone rosse", quelle in cui vengono applicate le misure più severe di contenimento dell'epidemia. In generale, il congedo spetta ai genitori in caso di chiusura delle scuole secondarie di primo grado (le scuole medie), ma, nel caso di alunni con disabilità l'applicazione si allarga anche alle scuole di ogni ordine e grado e ai centri diurni che siano stati chiusi per effetto dell'emergenza coronavirus.

L'art.14 invece, ripropone, sempre solo all'interno delle zone rosse, il bonus baby sitter (che può valere fino a 1.000 euro). Per o genitori dei figli con disabilità le condizioni di accesso sono le stesse previste per il congedo (figli iscritti a scuole o centri diurni chiusi dall'emergenza).

>> Per saperne di più consigliamo la lettura di questo approfondimento di Handylex.org

 

Lavoro agile per genitori con figli con disabilità

Fino al 30 giugno 2021, i genitori lavoratori dipendenti privati che hanno almeno un figlio in condizioni di disabilità grave riconosciuta ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile (smart working)  "a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore non lavoratore e che l'attività lavorativa non richieda necessariamente la presenza fisica".

Art. 21 ter del Decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 convertito in legge dalla legge n.126 del 13 ottobre 2020

 

Lavoro agile per lavoratori con disabilità o "fragili"

Fino al  31  dicembre  2020 i lavoratori "fragili" o cui è riconosciuta la condizione di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (handicap grave)  svolgono di norma la prestazione
lavorativa  in  modalità  agile
(smart working),  "anche  attraverso  l'adibizione  a diversa mansione  ricompresa  nella  medesima  categoria  o  area  di inquadramento, come definite dai contratti collettivi vigenti,  o  lo
svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto"

I lavoratori "fragili" sono "i lavoratori dipendenti pubblici e privati in  possesso  di  certificazione  rilasciata  dai  competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti  da  patologie  oncologiche  o  dallo svolgimento di relative terapie salvavita".

Per quanto riguarda le modalità per ottenere la certificazione di soggetto a rischio, rimandiamo a questo utile approfondimento di Handylex, che chiarisce le indicazioni date dall'INPS con il messaggio 2584 del 24 giugno 2020 e relativo allegato.

Art.26, commi 2 e 2 bis, del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 convertito con modificazioni dalla L. 24 aprile 2020, n. 27  e successive modificazioni.

 

Permessi aggiuntivi legge 104/92

L’aumento dei giorni di permesso lavorativo (ex articolo 33, legge 104/1992) già previsto dal decreto “Cura Italia” (art. 24)  per i mesi di marzo e aprile e prorogato dal Decreto "Rilancio", 19 maggio 2020, n. 34, per maggio e giugno, non è stato in seguito rinnovato. Al momento, dunque, per quanto riguarda i permessi per assistere i familiari con handicap grave si è tornati al regime ordinario.

 

Assenza dal lavoro per disabili gravi e lavoratori "fragili"

La possibilità per i lavoratori con certificazione di handicap grave o "fragili" in condizione di "rischio"  di usufruire di un periodo di assenza equiparato al ricovero ospedaliero è stata consentita fino al 15 ottobre. Al momento non risulta rinnovata (vedi art. 26, comma 1 bis del Decreto legge 14 agosto 2020, n. 104, che ha modificato l'articolo 26 del Decreto legge 17 marzo 2020, n.18).

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Ritratto di admin_udine

admin_udine