Salute

share

"La Regione porterà a compimento al più presto l'approvazione dei percorsi di assistenza integrata per l'atrofia muscolare spinale (Sma) e le distrofinopatie". Lo ha annunciato l'assessore alla Salute del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi intervenendo al convegno svoltosi a Udine in occasione della Terza giornata nazionale per le Malattie Neuromuscolari.

share

Sabato 9 marzo all'Ospedale di Udine un importante convegno aperto a tutti sulle malattie neuromuscolari in occasione della terza giornata nazionale.

share

 

I pazienti affetti da malattie rare possono ottenere l’esenzione dal pagamento dei medicinali di fascia C (quelli normalmente a completo carico del paziente) e dei medicinali “off label” (i medicinali utilizzati per patologie diverse da quelle per le quali ne è autorizzato l’uso o con modalità e dosaggi diversi da quelli normalmente prescritti)*.

share

La Neurologia dell'ospedale di Udine scelta come centro di riferimento regionale per il trattamento dei pazienti adulti con lo Spinraza. L'istituto "Burlo Garofalo" di Trieste segue i bambini.

share

 

L'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata Udinese (ASUIUD) ha formalmente costituito il Gruppo Integrato Neuromuscolare, il gruppo multidisciplinari che riunisce tutte le figure professionali che hanno la responsabilità della presa in carico del paziente neuromuscolare a livello ospedaliero e sul territorio.

Gruppo Integrato Neuromuscolare ASUIUD

share

 

Si intitola “Le malattie neuromuscolari: stato dell’arte e nuove prospettive terapeutiche” il convegno regionale in programma per l’intera giornata di venerdì 8 giugno all’IRCCS “Burlo Garofolo” di Trieste.

Il convegno, che è dedicato in modo particolare alle malattie che insorgono in età pediatrica, prevede il riconoscimento di 8 crediti ECM.

share

Molte delle malattie neuromuscolari rientrano nell’elenco delle malattie rare ufficialmente riconosciute. Per ottenere la diagnosi e la certificazione di malattia rara bisogna rivolgersi a uno dei centri di riferimento accreditati

share

Sabato 10 marzo si è svolta anche a Udine la seconda edizione della Giornata delle Malattie Neuromuscolari. Un convegno ha fatto il punto sui vari aspetti della presa in carico dei pazienti con queste malattie.

share

 

Sabato 10 marzo simultaneamente in 17 città italiane si terrà la seconda Giornata delle Malattie Neuromuscolari.

share

 

Fisioterapia domiciliare, supporto psicologico, incontri di formazione per familiari e caregiver, assistenza e orientamento nei percorsi sanitari. Sono questi gli ingredienti del progetto biennale “La salute in casa” realizzato dall’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare di Udine con il sostegno della Fondazione Friuli oltre che della UILDM nazionale.

share

 

Martedì 13 ottobre a Casa UILDM c’è stato un interessante incontro con Mara Quintiliani, fisioterapista dell’Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione “Gervasutta” di Udine che ha esposto in termini divulgativi alcuni dei contenuti del corso di base sulla “disostruzione bronchiale mediante la modulazione del flusso espiratorio” cui ha partecipato lo scorso maggio a Costa Masnaga grazie al sostegno della UILDM di Udine.

share

 

L’AIM (Associazione Italiana di Miologia) ha recentemente realizzato una brochure informativa sul tema Vaccinazioni e malattie neuromuscolari. All’iniziativa hanno collaborato SITIP (Società Italiana di Infettivologia Pediatrica), SINP (Società Italiana di Neurologia Pediatrica), FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri), SITI (Società Italiana di Igiene) e AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri). Il progetto ha ottenuto il sostegno e il patrocinio di UILDM e Famiglie SMA, AIG (Associazione Italiana Glicogenosi) e Parent Project.

share

 

Sabato 1° marzo si è tenuto a Padova l’interessante convegno “Un delicato equilibrio – Il ruolo dell’alimentazione nelle malattie neuromuscolari. Promozione di uno studio”.

Nel corso dell’evento si è discusso del ruolo dell’alimentazione nelle patologie neuromuscolari, con lo scopo di raccogliere elementi conoscitivi per valutare l’avvio di uno studio sull’interazione tra alimentazione e qualità della vita delle persone affette da malattie neuromuscolari.

share

 

Dodici pazienti friulani con malattie neuromuscolari sono coinvolti in un programma domiciliare innovativo che punta a migliorare l’assistenza respiratoria, fondamentale in questo tipo di patologie.

share

Il 30 novembre nella sala convegni dell’Enaip di Pasian di Prato un convegno medico dedicato al tema della Comunicazione della diagnosi nei casi di disabilità complessa.

share

Il numero telefonico della segreteria dell’Ambulatorio fisiatrico dedicato ai pazienti adulti con malattia neuromuscolare dell’Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione “Gervasutta” di Udine è cambiato!

share

 

Anche i mezzi delle associazioni di volontariato e le auto private degli utenti con disabilità motorie accompagnati possono utilizzare la camera calda dell’Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione “Gervasutta” di Udine, normalmente utilizzata dalle ambulanze e dai mezzi di soccorso.

Lo fa sapere una nota della segreteria del “Gervasutta” che invita i pazienti ad utilizzare questo ingresso alla struttura ospedaliera cui si arriva attraverso il cancello alla destra dell’ingresso principale.

share

All’Ospedale di Gorizia è attivo da diversi anni un Centro di cure odontoiatriche per pazienti ad alto rischio che si è specializzato negli interventi su persone con disabilità e su pazienti “ad elevato rischio medico”.

share

 

Dal mese di settembre all’Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione “Gervasutta” di Udine è partita ufficialmente l’attività dell’Ambulatorio fisiatrico dedicato ai pazienti adulti con malattia neuromuscolare, che sarà gestito dalla dottoressa Emiliana Bizzarini.

L’ambulatorio si terrà il 2° e 4° giovedì di ogni mese, dalle ore 8.30 alle ore 12.30.
È localizzato nell’area del Day Hospital, padiglione nuovo ambulatorio B.

 

share

 

La U.I.L.D.M. di Udine in collaborazione con l’IMFR “Gervasutta” di Udine organizza il terzo corso di formazione per i pazienti affetti da malattie neuromuscolari e per le persone (familiari e volontari) che li assistono.